Crucci e delizie della leva finanziaria alla italiana

more+
less-

Oltre ad essere titolari di attivi finanziari cospicui, le famiglie italiane detengono un patrimonio in obbligazioni e azioni/equity significativamente più consistente, in percentuale di Pil, rispetto alle famiglie dei Partner Ue. Non si riscontra, tra le famiglie, quell’eccesso di avversione al rischio e di "conservatorismo finanziario" spesso additato tra i motivi della poca capacità di crescita dell’Italia. Queste caratteristiche, invece, si riscontrano proprio in capo agli intermediari finanziari italiani che, sempre in termini di Pil e dopo consolidamento, hanno attivi di dimensioni significativamente più piccole della media Ue, soprattutto nella componente di azioni/equity. E a livello Paese questa conclusione si ritrova rafforzata, in particolare, per il patrimonio azionario, di oltre 136 p.p. di Pil sotto la media Ue.

A determinare questa posizione singolare dell’Itala nel panorama internazionale concorrono diversi fattori. Tra questi, sicuramente l’alto stock di debito pubblico, che porta con sé degli effetti di crowding-out degli investimenti privati. C’è poi la mole dell’interbancario, il cui stock in Italia pesa per 580-590 miliardi di Euro, circa un terzo dello stock totale dei prestiti erogati dal sistema bancario11. Su questo punto, e su quello dei debiti/crediti commerciali, sarebbe utile un approfondimento, soprattutto in chiave di comparazione internazionale, per verificare sia il livello di efficienza/efficacia dell’interbancario, sia la concorrenzialità dei servizi che banche e intermediari finanziari si prestano tra loro. E un approfondimento meriterebbero anche le ragioni che possono esserci alla base di partecipazioni incrociate (che "scompaiono" nel consolidato) tra banche, tra intermediari finanziari e tra banche e intermediari finanziari; questi "incroci, oltre che fonte di possibili effetti anticoncorrenziali, potrebbero esser tutt’uno con la relativa chiusura a capitali esteri che l’Italia mostra rispetto ai Partner europei.

LOADING PDF: If there are any problems, click here to download the file.


DISCLAIMER: Because of the generality of this update, the information provided herein may not be applicable in all situations and should not be acted upon without specific legal advice based on particular situations.

© Nicola Carmine Salerno, Independent Economist | Attorney Advertising

Written by:

more+
less-

Independent Economist on:

Reporters on Deadline

"My best business intelligence, in one easy email…"

Your first step to building a free, personalized, morning email brief covering pertinent authors and topics on JD Supra:

Sign up to create your digest using LinkedIn*

*With LinkedIn, you don't need to create a separate login to manage your free JD Supra account, and we can make suggestions based on your needs and interests. We will not post anything on LinkedIn in your name. Or, sign up using your email address.
×
Loading...
×
×