Crucci e delizie della leva finanziaria alla italiana

more+
less-

Oltre ad essere titolari di attivi finanziari cospicui, le famiglie italiane detengono un patrimonio in obbligazioni e azioni/equity significativamente più consistente, in percentuale di Pil, rispetto alle famiglie dei Partner Ue. Non si riscontra, tra le famiglie, quell’eccesso di avversione al rischio e di "conservatorismo finanziario" spesso additato tra i motivi della poca capacità di crescita dell’Italia. Queste caratteristiche, invece, si riscontrano proprio in capo agli intermediari finanziari italiani che, sempre in termini di Pil e dopo consolidamento, hanno attivi di dimensioni significativamente più piccole della media Ue, soprattutto nella componente di azioni/equity. E a livello Paese questa conclusione si ritrova rafforzata, in particolare, per il patrimonio azionario, di oltre 136 p.p. di Pil sotto la media Ue.

A determinare questa posizione singolare dell’Itala nel panorama internazionale concorrono diversi fattori. Tra questi, sicuramente l’alto stock di debito pubblico, che porta con sé degli effetti di crowding-out degli investimenti privati. C’è poi la mole dell’interbancario, il cui stock in Italia pesa per 580-590 miliardi di Euro, circa un terzo dello stock totale dei prestiti erogati dal sistema bancario11. Su questo punto, e su quello dei debiti/crediti commerciali, sarebbe utile un approfondimento, soprattutto in chiave di comparazione internazionale, per verificare sia il livello di efficienza/efficacia dell’interbancario, sia la concorrenzialità dei servizi che banche e intermediari finanziari si prestano tra loro. E un approfondimento meriterebbero anche le ragioni che possono esserci alla base di partecipazioni incrociate (che "scompaiono" nel consolidato) tra banche, tra intermediari finanziari e tra banche e intermediari finanziari; questi "incroci, oltre che fonte di possibili effetti anticoncorrenziali, potrebbero esser tutt’uno con la relativa chiusura a capitali esteri che l’Italia mostra rispetto ai Partner europei.

LOADING PDF: If there are any problems, click here to download the file.