Lavorare più a lungo, per lavorare tutti

more+
less-

L'allineamento all'Europa della durata del pensionamento implicherebbe che, da subito, tutti (uomini e donne) cominciassero ad andare in pensione con non meno di 65 anni di età, di fatto eliminando le uscite per anzianità.

Alcune stime elaborate da CeRM dimostrano che in questo modo sarebbe possibile liberare risorse crescenti lungo un quinquennio, da 4,5 miliardi il primo anno sino a quasi 19 miliardi il quinto anno.

Il totale sul quinquennio supererebbe i 60 miliardi di Euro. Una cifra di tutta significatività di cui è ipocrita stigmatizzare, nell'urgenza del momento, possibili utilizzi ai fini della manovra correttiva. Si tratterebbe, infatti, di una riforma di struttura che va comunque nella direzione giusta (qualcosa che avremmo già dovuto fare anche prima dello scoppio della crisi), e non di un abuso estemporaneo delle regole pensionistiche in funzione "tappa buchi".

Rispetto a questa ipotesi di allineamento all'Europa, l'intervento sulle pensioni contenuto nel Decreto Legge n. 98 del 6 Luglio 2011 (la manovra correttiva di finanza pubblica) è molto debole.

- 8 Luglio 2011 -

LOADING PDF: If there are any problems, click here to download the file.