Le farmacie nel Diritto dell'Economia

more+
less-

Nel dibattito che accompagna i tentativi di riforma degli esercizi farmaceutici e della distribuzione del farmaco si continua, in maniera pretestuosa, a far riferimento a un presunto contrasto tra da un lato le indicazioni dell’Agcm e della Commissione Europea e, dall’altro, le sentenze della Corte Costituzionale e della Corte di Giustizia Europea.

Agcm e Commissione chiedono il superamento degli aspetti anti-concorrenziali e di chiusura corporativistica che caratterizzano il settore. Dalle due Corti sopraggiungono sentenze che, a prima vista e soprattutto ad occhio inesperto, potrebbero sembrare sconfessare Agcm e Commissione.

Il disallineamento è solo apparente. Tra l’altro, per quanto riguarda la Corte di Giustizia Europea, spetta ai Giudici nazionali formulare il quesito pregiudiziale in termini precisi e netti, in modo da ottenere dalla Corte una pronuncia circostanziata. E lo stesso si può dire dei ricorsi alla Corte Costituzionale: è dal tenore della domanda del ricorrente che dipende la "praticabilità" della risposta del Giudice costituzionale.

È importante liberare il campo da convincimenti infondati e pretestuosi sui rapporti tra Agcm, Commissione, Corte Costituzionale e Corte di Giustizia Europea. Se questo punto di vista sbagliato viene propugnato e si concretizza sulla distribuzione del farmaco, è concreto il rischio che esso venga esteso anche ad altri settori sovraregolati e presidiati da lobby.

Non è accettabile che equivoci istituzionali di questo tipo trasformino l’affermazione della legalità in un’azione di natura soltanto formale, non falsificabile, e strumentalizzabile per mantenere lo status-quo anche quando palesemente pervaso da storture corporativistiche.

nicola c. salerno (CeRM)

LOADING PDF: If there are any problems, click here to download the file.