Corte di Cassazione – Sez. I civile – n. 8997/2021 del 31.3.2021

Orrick, Herrington & Sutcliffe LLP
Contact

Orrick, Herrington & Sutcliffe LLP

Corte di Cassazione – Sez. I civile – n. 8997/2021 del 31.3.2021

Responsabilità contrattuale dell’intermediario finanziario verso l’investitore e risoluzione del singolo contratto di investimento.

1- Il Fatto e il principio di diritto enunciato dalla Corte di Cassazione.

La sentenza della Corte d’Appello dell’Aquila del 2014 aveva qualificato come semplice responsabilità precontrattuale quella dell’intermediario finanziario che non avesse assolto in modo adeguato il proprio dovere di informazione verso l’investitore sulle caratteristiche e i rischi dell’ordine di investimento ricevuto.

La Corte di Cassazione ha annullato la sentenza della Corte d’Appello dell’Aquila, aggravando così i termini della responsabilità in capo all’intermediario finanziario e qualificando la sua come una responsabilità tipicamente contrattuale, implicante la risoluzione dell’ordine di investimento e la responsabilità per il risarcimento.

Le singole operazioni di investimento in valori mobiliari possono essere oggetto di risoluzione in caso di inosservanza dei doveri informativi nascenti dopo la conclusione del contratto quadro, indipendentemente dalla risoluzione di quest’ultimo”.

2 – Contratto quadro di intermediazione e le singole operazioni di investimento.

Il rapporto tra intermediario finanziario ed investitore solitamente si struttura in un contratto quadro di intermediazione finanziaria e nelle singole operazioni di investimento che ne seguono.

L’uno e le altre possono essere intesi in due modi differenti: (a) il contratto quadro come unico contratto regolante il rapporto tra le parti e le singole operazioni intese come semplici istruzioni (esecutive del primo) conferite all’intermediario, oppure (b) le singole operazioni di investimento come atti giuridici autonomi seppur collegati in modo funzionale al contratto quadro.

Dall’uno o dall’altro inquadramento dipendono conseguenze diverse sul piano delle obbligazioni e della responsabilità.

3 – Le operazioni di investimento come contratti autonomi rispetto al contratto quadro.

Se l’intermediario finanziario ha obblighi di informazione, correttezza e trasparenza nella fase che precede la conclusione del contratto quadro, ne ha altrettanti in quella che precede la conclusione anche dell’autonomo contratto di negoziazione del titolo e di regola l’attività informativa che grava sull’intermediario viene spesa proprio nel periodo che precede il conferimento dell’ordine.

Fin qui, l’eventuale inadempimento di tali specifici obblighi informativi anche nella fase che precede la singola operazione di investimento, si tradurebbe solo in una responsabilità precontrattuale.

La qualificazione della singola operazione come contratto in tutto distinto dal contratto quadro, ha però un altro rilevante corollario: l’intermediario finanziario è tenuto ad un obbligo di informazione cosiddetta attiva, sulla natura, i rischi e le implicazione della specifica operazione di investimento, un obbligo che è funzionale al corretto apprezzamento, da parte dell’investitore, dei potenziali effetti dell’investimento.

A ciò egli è tenuto non solo nella fase antecedente ma anche dopo la conclusione del contratto di negoziazione del titolo, in virtù di una obbligazione che nasce da questo contratto e perdura fino al momento in cui egli dovrà dare esecuzione all’ordine ricevuto, ossia in tempo utile prima della prestazione del servizio di investimento.

4 - L’obbligo informativo nascente dal singolo contratto di investimento: inadempimento e risoluzione contrattuale.

Si è così inquadrato in un ambito tipicamente contrattuale, l’obbligo informativo descritto, nel periodo intercorrente tra il conferimento dell’ordine e la sua materiale esecuzione.

Il presupposto consiste nell’assunto che il contratto di negoziazione del titolo si perfezioni già con il conferimento dell’ordine di investimento e con la sua accettazione da parte dell’intermediario e che proprio da quel momento sorga a carico dell’intermediario – per disciplina normativa e regolamentare – un obbligo autonomo dell’intermediario di “rappresentare all’investitore le connotazioni specifiche dell’operazione finanziaria e di assicurarsi che l’investitore sia stato adeguatamente informato dell’operazione da compiersi, provvedendo a fornire le indicazioni che si mostrino ancora necessarie in vista di tale risultato e rispondendo, in caso contrario, delle conseguenze della propria condotta omissiva”.

Tali conseguenze si sintetizzano in un inadempimento di fonte contrattuale, in grado di escludere tutto quanto possa essere funzionale a relegare tale responsabilità in un ambito meramente precontrattuale.

In altre parole, l’obbligazione che fa carico all’intermediario è quella di dare esecuzione solo all’ordine di investimento sul quale l’investitore abbia ricevuto adeguata informazione, in una fase che non solo precede (precontrattuale) ma è anche successiva (contrattuale) al conferimento dell’ordine stesso.

Dall’inadempimento di tale obbligo anche di natura contrattuale discende la sua responsabilità e con essa la risoluzione del singolo contratto di investimento, ma non anche del contratto quadro.

DISCLAIMER: Because of the generality of this update, the information provided herein may not be applicable in all situations and should not be acted upon without specific legal advice based on particular situations.

© Orrick, Herrington & Sutcliffe LLP | Attorney Advertising

Written by:

Orrick, Herrington & Sutcliffe LLP
Contact
more
less

Orrick, Herrington & Sutcliffe LLP on:

Reporters on Deadline

"My best business intelligence, in one easy email…"

Your first step to building a free, personalized, morning email brief covering pertinent authors and topics on JD Supra:
*By using the service, you signify your acceptance of JD Supra's Privacy Policy.
Custom Email Digest
- hide
- hide

This website uses cookies to improve user experience, track anonymous site usage, store authorization tokens and permit sharing on social media networks. By continuing to browse this website you accept the use of cookies. Click here to read more about how we use cookies.